Gestione dell’Energia

Lo sviluppo di una gestione efficiente dell’energia (Energy Management) attraverso le organizzazioni UE dovrebbe essere visto come un’opportunità e una priorità strategica.

Circa l’11% di tutto il consumo di energia nell’UE può essere reso economicamente efficiente attraverso l’adozione di una gestione più efficiente dell’energia.

L’energy management è un processo strutturato attraverso il quale un’organizzazione cerca di ottimizzare il proprio uso di energia, riducendo lo spreco, aumentando l’efficienza e la quota di rinnovabili. Le norme della gestione dell’energia, come per es. EN ISO 50001, offrono un approccio d’insieme per indirizzare i vari requisiti legati all’efficienza: comportamenti, tecnologie e normative; esse aiutano le compagnie a “radicare” la gestione dell’energia all’interno dell’intera organizzazione.

In generale la gestione dell’energia si sviluppa in cinque passi distinti, che vengono compiuti iterativamente e ripetutamente, in un processo di continuo miglioramento.
POLITICA ENERGETICA (1) – Stabilita dal management, definisce le linee di guida generali riguardo agli sforzi per raggiungere una maggiore efficienza energetica ed altri obbiettivi.
PIANIFICAZIONE (2) – Identifica i punti significativi di consumo dell’energia e i potenziali di risparmio. Determina l’ordine di priorità delle azioni da intraprendere, stabilisce le mete ed elabora i piani di azione in linea con le politiche.
IMPLEMENTAZIONE E FUNZIONAMENTO (3) – Coinvolge gli impiegati e l’intera organizzazione nel conseguimento degli obbiettivi ed assicura che un migliore uso dell’energia diventi parte della routine aziendale, nelle azioni che riguardano gli acquisti, il funzionamento e la manutenzione, le attività per una progettazione efficiente, ecc.
AZIONI DI CONTROLLO E CORREZIONE (4) – Monitora tutti i flussi significativi dell’uso e consumo di energia e le attività. Intraprende azioni preventive e correttive.
REVISIONE DELLA GESTIONE (5) – Il management valuta periodicamente l’implementazione del piano, degli obbiettivi del controllo operazionale per assicurare la sua continua rispondenza, nella logica di un miglioramento continuo.

La realizzazione della gestione dell’energia è facilitata da tecniche e da strumenti specifici. Le tecniche chiave sono gli audit energetici, il monitoraggio e i benchmark di riferimento, mentre gli strumenti chiave sono la gestione dell’energia e i relativi standard. L’energy manager non è solo un tecnico, è soprattutto un manager del cambiamento; molte delle compagnie che attivano la gestione dell’energia non solo riducono immediatamente la loro bolletta energetica, ma abbassano anche il loro consumo d’acqua e migliorano la prevenzione degli sprechi. Esse migliorano le prestazioni complessive e la produttività dell’impianto, aumentando la loro competitività. Inoltre, ottengono un accesso più facile al finanziamento da terzi grazie ad una maggiore fiducia dagli investitori. Nel lungo termine, gli standard di gestione dell’energia garantiscono che i miglioramenti si mantengano nel tempo e che le organizzazioni migliorino continuamente le loro prestazioni energetiche ad un passo sempre più rapido, tagliando i costi anno dopo anno.

(Tratto da DecrabEurope 2017, capitolo sulla Gestione dell’Energia)
DecarbEurope, capitolo 6

Scarica e leggi il capitolo dedicato alla Gestione dell’Energia, con i paragrafi:

pag. 62 – Proposta
pag. 63 – Come Funziona
pag. 64 – 10 Fatti
pag. 65 – 5 Soluzioni Politiche
pag. 66 – I Leader dell’Industria
pag. 68 – Storie di Successo