Settore marino

Settore marino

Le leghe di rame vengono impiegate per applicazioni marine, come impianti di desalinizzazione, acquacoltura, chiglie e protezione di piattaforme off-shores.

Un mare… di applicazioni

La resistenza delle leghe di rame alla corrosione dovuta all’acqua di mare e all’atmosfera ricca di sali sono note da tempo. Un esempio classico è costituito dalla leghe “ammiragliato”, che sono ottoni col 30% di Zn e l’1% di Sn, in grado di resistere alla dezincificazione causata dall’elevata quantità di cloruri in ambiente marino.

Le leghe più utilizzate sono il cupronickel e i bronzi all’alluminio, i cui punti di forza risiedono nelle patine superficiali rispettivamente in ossido di rame e di alluminio, rinforzate dalla presenza di nickel e ferro, appositamente aggiunti alle leghe.

Questi ossidi sono resistenti e protettivi, in grado di sopportare velocità di flusso relativamente alte e la cavitazione. Inoltre, presentano un ridotto attaccamento da parte di alghe e molluschi sulla loro superficie.
I cupronickel sono impiegati per gli scafi delle navi, nei condensatori, negli impianti di desalinizzazione e negli scambiatori di calore che usano acqua marina. Lastre in cupronickel vengono usate come rivestimento delle sostegni delle piattaforme off-shore e degli scafi delle navi.
I bronzi all’alluminio sono impiegati nelle tubazioni, pompe e valvole, piastre tubiere, nei fissaggi, negli alberi e altre parti a contatto con l’acqua potabile.

Un po’ di storia: la Victory

Le prime proposte di rivestire gli scafi delle navi con il rame furono avanzate nel 1708 e già a metà del XVIII secolo la Royal Navy (la Marina britannica) cominciò a proteggere così le sue navi, avendo capito che i benefici della velocità e del tempo di permanenza in mare superavano gli alti costi iniziali.
I risultati si videro nella celebre battaglia di Trafalgar, combattuta dalla flotta franco-spagnola contro quella inglese, comandata dall’ammiraglio Nelson a bordo della Victory.

Come è noto, vinsero gli Inglesi e tra i fattori che contribuirono alla vittoria ci fu anche il rame: i loro scafi permettevano una migliore manovrabilità e una più alta velocità in acqua. Viene riportato che lo scafo della Victory era ricoperto da 3923 fogli di rame fissati da circa 550.000 chiodi, sempre di rame.
L'”erede” del rame è il cupronickel, impiegato per rivestire gli scafi anche in Italia.

Questo sito fornisce una panoramica generale sulle leghe rame-nickel, con i dati e le informazioni per una loro corretta progettazione, produzione e applicazione.